Andiamo un po’ meglio, cari Strokes