Vai all'homepage di Kalporz MusiKàl!, la rivista musicale di Kalporz Mappa di Kalporz

MusiKàl! - Recensioni, Artisti, News musicali
» Novità Album e Live
» News
» I preferiti di Rokko
» Gli intramontabili
» Kalporzgrafie
» Speciali / Interviste

Osteria - Chiacchiere e Forum
Chiacchiere e Forum

Stalla - Storie in musica
Storie in musica

Municipio - Benvenuti a Kalporz!
Benvenuti a Kalporz!

Cerca un Artista
0-9 A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R S
T U V W X Y Z
Ricerca personalizzata

Newsletter
Info & Contatti
Collabora con noi
Pubblicità
Promo e demo
Le Foto su Kalporz
Live in Kalporz

RADIOHEAD + LOW
Concerto a Piazzale Michelangelo (Firenze) (8 luglio 2003)
segnala questa recensione 
di Raffaele Meale scrivi un'email

I Radiohead hanno scelto, com'è ormai abitudine, dei luoghi d'arte per proporre la loro musica in Italia: dopo Piazza Santa Croce nel 2000 e lo straordinario scenario dell'Arena di Verona nel 2001, eccoli approdare in Piazza Michelangelo, ovvero il belvedere di Firenze.

La serata è calda ma in fin dei conti sufficientemente ventilata, l'attesa della folla come al solito alle stelle. Salgono sul palco, quand'è praticamente ancora giorno, i Low e presentano uno spettacolo realmente notevole: i suoni spettrali, aspri, minimali che producono sono una sferzata d'energia mischiata a narcolessia, ectoplasmi di Velvet Underground che si spandono nell'aria, con la batteria ridotta a tamburi ossessivi e spazzole sui piatti. I brani provengono in gran parte da "Trust", l'album che ha ribadito la loro intelligenza compositiva: di particolare impatto "(That's How You Sing) Amazing Grace", "Candy Girl" e "La la la Song". I giochi vocali fra Alan Sparhawk e Mimi Parker sono di assoluto valore e impreziosiscono una trama sonora rumorosa e caustica.

I Radiohead hanno sempre dato il giusto risalto alla scelta dei "gruppi spalla": nel 2000, momento della svolta elettronica di "Kid A", furono i Laika di Margaret Fiedler ad aprire il concerto e nel 2001, oramai definiti tra i padri della nuova elettronica, fu la volta della techno sperimentale di Christoph Debabalon. La scelta dei Low non è dunque casuale: i Radiohead hanno ridato la giusta dimensione all'uso delle chitarre, e questo live ne è la dimostrazione palese.

Apre il concerto "There There", singolo di lancio di "Hail to the Thief", subito seguita da una versione epilettica e tirata di "2+2=5". Il pubblico impazzisce, la platea diventa un inferno di spintoni e urla. Improvvisamente, sull'onda della furia iniziale, ecco apparire la pausa mistica ed elegiaca di "Lucky", sempre attuale, carica di riverberi. E' poi la volta di "Talk Show Host", il loro b-side più noto, una sorta di bossanova elettrica con echi spaziali e strabilianti suoni cosmici. Non è certo la prima volta che la vedo riproporre dal vivo, ma è sicuramente la migliore. Ed è proprio l'uso dei suoni e dei colori a dare il reale senso di questo live: i brani sono prove aperte, nelle quali le menti dei cinque hanno libertà di far confluire suoni e improvvisazioni, senza mai scardinare definitivamente la forma canzone.

A queste cure sono sottoposti soprattutto i brani degli ultimi tre album, come la versione scatenata di "Idioteque", la stralunata ripresa di "Kid A" (che piacere vederla e ascoltarla così) con sintetizzatori impazziti e l'energica e trascinante "The National Anthem" aperta da un ironico, balbettato e alcolizzato "God Save the Queen" biascicato da Thom Yorke. Per il resto è risultata a tratti sorprendente la scelta dei brani da "Hail to the Thief", che ha prediletto un brano in fin dei conti trascurabile come "Scatterbrain" a fronte di pezzi quali "Myxomatosis", "A Wolf at the Door" e "Suck Young Blood". Ma questa selezione ha permesso di dar risalto a quei brani che nel lavoro in studio sono apparsi minori - se così si può dire - e che dal vivo acquistano un fascino e un suono inaspettati: è il caso di "Go to Sleep" e di "Where I End and You Begin", vere e proprie sorprese di questa serata.

Non sono mancate neanche le pause dedicate alla memoria: da "The Bends" sono arrivate una frenetica e urlata "Bones" e una granitica "The Bends", veramente da lasciare senza fiato, con quella frase finale ("Voglio vivere e respirare/ voglio sentirmi parte della razza umana") che con gli anni e con l'esperienza Radiohead oramai nota a tutti ha acquistato un senso ancora più universale e profondo. Da "Ok Computer" basterebbe citare l'interpretazione di "Exit Music (for a Film)", con quel silenzio irreale della platea che è oramai diventata prassi (e che continuo a trovare sorprendente: possibile che migliaia di persone, nello stesso momento, provino l'impulso irrefrenabile a non proferire verbo?) e quell'improvviso esplodere della musica, catarsi di un'epica della distruzione e della disperazione che non ha eguali nella scena contemporanea.

Ma molti ancora sono i pezzi che hanno fatto gridare alla meraviglia: "A Punch Up at a Wedding", "Sail to the Moon", "Paranoid Android" (ma come diavolo fanno a suonarla così?), "Everything in it's Right Place", con lunga coda campionata dal vivo da Ed O'Brian, che ha chiuso la prima parte del concerto.

I bis hanno regalato una strepitosa "The Gloaming", una commovente "No Surprises", leggera come la discesa autunnale dal ramo di una foglia secca, una "I Will" straziante nella sua desolazione per chitarra e voce, con Yorke solo sul palco, una doverosa "Street Spirit", da anni ormai vero e proprio inno di questa band, più di "Creep", più di "Karma Police", più di "Fake Plastic Trees", per rimanere tra i brani storici.

"Immerse Your Soul in Love", immergi la tua anima nell'amore. Chiusura ottimista per un gruppo di eccezionali musicisti (Selway e Colin Greenwood fantasiosa e precisa sezione ritmica, O'Brian e Jonathan Greenwood geniali ricercatori di suoni e rumori, Yorke semplicemente una delle migliori voci che vi potrà capitare di ascoltare dal vivo) che ha ricevuto, nel corso del tempo, una miriade di aggettivi negativi, ingiusti e sotto sotto figli dell'invidia. "Thank You. Thank You. Grazie, grazie, grazie, grazie", e se ne vanno. Loro ad applaudire il pubblico e il pubblico ad applaudire loro. A presto, e grazie.

SCALETTA
· There There
· 2+2=5
· Lucky
· Talk Show Host
· Scatterbrain
· The National Anthem
· Backdrifts
· Sail to the Moon
· Kid A
· Bones
· Where I End and You Begin
· Go to Sleep
· Exit Music (for a Film)
· A Punch Up at a Wedding
· Paranoid Android
· Idioteque
· Everything in it's Right Place

Primo Bis:
· The Gloaming
· No Surprises
· The Bends
· I Will

Secondo Bis:
· Sit Down, Stand Up
· Street Spirit


Recensioni collegate
Radiohead - la Kalporzgrafia
Low - Trust
Low - Things We Lost In The Fire



9 luglio 2003




I commenti
 


18 luglio 2003
Caro Daniele,
hai ragione il pubblico è stato veramente maleducato nei confronti dei Low e io me ne vergogno di ciò dato che sono prorpio di Ferrara. I ragazzi americani avranno un pessimo ricordo della mia città...
Anche io mi sono sentito un ebete alla fine del concerto e ancora mi ride il culo dall'emozione, loro magnifici anche se Jonny sembrava un po' perso a tratti sul palco...magari troppo vino!?! Loro fantastici e cordiali con tutti anche fuori dallo stage, amici che lavorano in hotel ristorante dove hanno soggiornato giurano che Thom & company si sono sprecati in ringraziamenti...ovviamente hanno tenuto molto alla loro privacy (chi non lo farebbe??) e ad alcuni ha dato l'impressione di essere un atteggiamento snob. Spero di avere l'occasione di rivederli presto, ma intanto Martedì (22 luglio) ci sono i R.E.M.e c'è da giurarci che sarà da sballo!
ciao
alan



11 luglio 2003
inutile tentare di descrivere fatti ed emozioni a cui bisogna partecipare in proma persona questo i loro concerti non saranno mai come si cercherà di descriverli...bisogna provarli a pelle...senza parole. Ringrazio Tom John e una ragazza di Fermo con una voce potentissima....
BoB



10 luglio 2003
Prima Verlaine,Baudelaire, ora radiohead..o meglio Yorke!Ascoltare un loro concerto è come sedersi sotto un platano a leggere il De rerum natura!!! Grandioso ,pieno,sempre geniali e mai banali!!sono uscito con una letizia e una tranquillità nell'animo che mi sembrava di essere uscito dall'università con un 30 e lode alle spalle!! davvero grazie....di quest'incontro!!


10 luglio 2003
magnifico...graffiante....di una bellezza speventosa.....vedere questi 5 ragazzi di oxford in concerto è una esperienza a dir poco unica ed indimenticabile....penso che soltanto che c'era può capire che significa sentirli suonare dal vivo!!!!!

aggiungi il tuo commento!
torna su




»
CONCERTI
gli ultimi recensiti
AA.VV. - Italia Wave 2010 (Livorno)
AA.VV. - Primavera Sound (Barcellona)
LCD Soundsystem + !!! - Piazza Castello (Ferrara)
AA.VV. - Reeson Electric Festival (Roma)
Il Teatro degli Orrori - Bier Garten (Palermo)

»
NOVITA'
le ultime recensioni

Giobia – Hard Stories

The Drums - The Drums
The Pineapple Thief - DSomeone Here Is Missing

Miss Fräulein - The Secret Bond

The Chemical Brothers - Further


»
ROKKO-BEAT
i preferiti di Rokko
The Antlers - Hospice
Soap & Skin - Lovetune For Vacuum
Doves - Kingdom Of Rust
Shearwater - Rook
Gnarls Barkley - The Odd Couple

»
EVER-KALPORZ
gli intramontabili
Alice In Chains - Jar Of Flies
Air - Moon Safari
Cult - Love
Primal Scream - Screamadelica
Einsturzende Neubauten - Fünf Auf Der Nach Oben Offenen Richterskala


Home | MusiKàl | Municipio | Osteria | Stalla

Copyright  © Kalporz. Tutti i diritti riservati

Kalporz su: Facebook (Kalporz / Kalporz Redazione) | MySpace | Twitter