Vai all'homepage di Kalporz MusiKàl!, la rivista musicale di Kalporz Mappa di Kalporz

MusiKàl! - Recensioni, Artisti, News musicali
» Novità Album e Live
» News
» I preferiti di Rokko
» Gli intramontabili
» Kalporzgrafie
» Speciali / Interviste

Osteria - Chiacchiere e Forum
Chiacchiere e Forum

Stalla - Storie in musica
Storie in musica

Municipio - Benvenuti a Kalporz!
Benvenuti a Kalporz!

Cerca un Artista
0-9 A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R S
T U V W X Y Z
Ricerca personalizzata

Newsletter
Info & Contatti
Collabora con noi
Pubblicità
Promo e demo
Le Foto su Kalporz
Live in Kalporz

YANN TIERSEN
Le Fabulex Destin D'Amélie Poulain (colonna sonora, BMG, 2001)
segnala questa recensione 
di Max Cavassa scrivi un'email

Il film di Jean-Pierre Jeunet esce oggi (25 gennaio '02) nelle nostre sale, dopo aver mietuto allori a non finire in Francia ed in altri paesi europei, fino a candidarsi come miglior film straniero ai prossimi Oscar. Piccola osservazione: i nostri alacri traduttori (di sicuro attivati da acuti produttori) hanno trovato il modo di snaturarne il titolo originale, sostituendo "mondo" a "destin". Che il mondo faccia più marketing del destino? In ogni caso il film è davvero bello e poetico, lieve ed insieme profondo, come sanno fare i francesi quando sono al meglio delle loro potenzialità cine-letterarie.

Ed a giusto corollario di un impianto filmico-narrativo di alto profilo, una colonna sonora meravigliosa, toccante, un invisibile vestito che aderisce sinuosamente a luoghi e situazioni, azioni ed espressioni. Per svolgere al meglio questo compito di pittura musicale è stato chiamato Yann Tiersen, geniale e visionario compositore bretone che dalla metà degli anni '90 regala opere di grande coerenza stilistica e di straripante qualità melodica.

"Amélie…" diventa così anche un'occasione unica per conoscere la portata artistica di Tiersen, magari acquistando una soundtrack che è anche una piccola e preziosa antologia dell'autore. Essa presenta pezzi che vanno dall'ormai lontano "La valse des monstres" del 1995 (la title track e "Le banquet"), al già più maturo "Rue des cascades" dell'anno seguente ("J'y suis jamais allé", "Pas si simple" e "Soir de fete"), per arrivare ai due capolavori, "Le Phare" (1997) e "L'absente" (2001). Da questi straordinari lavori possiamo ascoltare gemme come "La noyée" (un Nyman valzer, per così dire), abbandonarci alla rarefatta classicità de "La dispute" e di "Sur le fil", malinconiche come un qualsiasi Cap de Bretagne battuto da acqua e vento, espressione di lande e brughiere desolate, dove da qualche parte però si nasconde la vita, e la passione dirompente.

Appositamente per il film, Yann ha composto alcune nuove tracce, tra le quali brillano "La valse d'Amélie" (proposta in tre diverse e sempre emozionanti versioni), la descrizione di uno di quei noiosi pomeriggi d'estate destinati ad essere immediatamente rimpianti nell'autunno successivo ("Comptine d'un autre été: l'après midi"), la versione strumentale di quel magico momento lirico che è "Les jours tristes" (interpretata ne "L'absente" da un ispirato Neil Hannon dei Divine Comedy), lo spensierato suono dell'accordéon ne "L'autre valse d'Amélie", un semplice motivetto che potrebbe fare prendere il primo treno per Parigi, solo andata. Due vecchi standards anni '30 ("Guilty" e "Si tu n'étais pas là (Fréhel)") sono gli unici pezzi non appartenenti al compositore transalpino, peraltro ben inseriti nel contesto.

Vi invitiamo quindi a non perdere la visione di "Le fabuleux destin d'Amélie Poulain". E' uno dei film più belli dell'anno e la sua colonna sonora meriterebbe davvero l'Oscar.


Recensioni collegate:
Yann Tiersen - L'absente
Divine Comedy
- la Kalporzgrafia




25 gennaio 2002


Track list:

1. J'y suis jamais allé
2. Les jours tristes (instrumental)
3. La valse d'Amélie
4. Comptine d'un autre été: l'après midi
5. La noyée
6. L'autre valse d'Amélie
7. Guilty
8. A quai
9. Le moulin
10. Pas si simple
11. La valse d'Amélie (version orchestre)
12. La valse des vieux os
13. La dispute
14. Si tu n'étais pas là (Fréhel)
15. Soir de fete
16. La redécouverte
17. Sur le fil
18. Le banquet
19. La valse d'Amélie (version piano)
20. La valse des monstres



I commenti
 
giorgia
11 aprile 2002
ideale per trovare una punta di ottimismo nei momenti di paranoia!


Judi
26 marzo 2002
Si è proprio come un vestito sinuoso che avvolge tutto il film in note dolcissime e appassionate...

aggiungi il tuo commento!
torna su




»
NOVITA'
le ultime recensioni

Giobia – Hard Stories

The Drums - The Drums
The Pineapple Thief - DSomeone Here Is Missing

Miss Fräulein - The Secret Bond

The Chemical Brothers - Further

»
CONCERTI
gli ultimi recensiti
AA.VV. - Italia Wave 2010 (Livorno)
AA.VV. - Primavera Sound (Barcellona)
LCD Soundsystem + !!! - Piazza Castello (Ferrara)
AA.VV. - Reeson Electric Festival (Roma)
Il Teatro degli Orrori - Bier Garten (Palermo)

»
ROKKO-BEAT
i preferiti di Rokko
The Antlers - Hospice
Soap & Skin - Lovetune For Vacuum
Doves - Kingdom Of Rust
Shearwater - Rook
Gnarls Barkley - The Odd Couple

»
EVER-KALPORZ
gli intramontabili
Alice In Chains - Jar Of Flies
Air - Moon Safari
Cult - Love
Primal Scream - Screamadelica
Einsturzende Neubauten - Fünf Auf Der Nach Oben Offenen Richterskala



Home | MusiKàl | Municipio | Osteria | Stalla

Copyright  © Kalporz. Tutti i diritti riservati

Kalporz su: Facebook (Kalporz / Kalporz Redazione) | MySpace | Twitter