EL SÒRRIO: i 7 miti che hanno ispirato il video-mixtape “ESCE TUTTO”

EL SÒRRIO è un misterioso progetto elettronico che da qualche settimana ha invaso i social, soprattutto per chi frequenta i Milano e i giri musicali che vi ruotano attorno. Difficile dare una definizione precisa. Ciò che colpisce subito è la scelta di pubblicare a partire dal 28 settembre un video-mixtape a episodi con cadenza settimanale, “ESCE TUTTO”, (una produzione TVS distribuita da La Tempesta Dischi), il cui “finale” sarà online a metà novembre.
Clubbing, elettronica psicotropa, ossessioni lo-fi, colpi di testa vapor wave e una tensione narrativa dissacrante e disincantata che racconta per immagini la Milano dei club, dei rave, della crisi economica, delle droghe e di quella sensazione deprimente di non essere mai al posto giusto al momento giusto. La stessa Milano raccontata da MYSS KETA, ma in maniera più delirante, criptica ed elusiva.

Concepito dal duo creativo TVS e dalla collaborazione con filmmaker e artisti italiani (Giada Bossi, Giulio Scalisi, Tommaso Lipari, Simonetta Leonora AKA @defollowami), ESCE TUTTO è pensato per essere visto e ascoltato contemporaneamente. Dalle atmosfere tarantiniane e zoofile di “My baby so cold” , all’omaggio alla periferia settentrionale di “Volo via con te”, passando per il sogno conturbante e virtuale di “The Narcissist III” e la cena bagnata di “Pyno 4”, le ansie di prestazione di “Mara Mannara” , il tutorial feticista di “Bei Piedini”, i dialoghi rubati alle ragazze/farfalle di “Proemotional II 7” , e l’inno alla bromance in chiave clubbing di “Antonio’s House” , “ESCE TUTTO” è già disponibile per intero su Spotify.

Abbiamo incontrato questo misterioso producer di cui non possiamo rivelare identità, sembianze, fattezze e origini per farci descrivere i 7 personaggi che hanno ispirato El Sorrio.

D. BOON

(1958 – 1985)

page1image3833792

Cantante e chitarrista dei Minutemen, che forse non tutti sanno essere la miglior band di tutti i tempiTM, autori tra le altre cose del ​miglior disco rock di tutti i tempi​. Di D. Boon mi piace tutto, dalla stazza allo styling, dalla voce da salumiere gentile alla capacità di concepire assoli di 8 secondi e riff a metà strada tra il country e la samba. Era anche ​un ottimo illustratore​. Come tutte le grandi rockstar, muore a 27 anni in un incidente stradale.

Non saprei che pezzo mettere, quindi scelgo quello che mi ha fatto innamorare: ​”Viet Nam”

DEVO

(1972 – )

page2image3843200

Amo i DEVO per 3 motivi: la grande immagine coordinata, ​i video​, e le tematiche delle canzoni (mastrubazione compulsiva, gli uomini patata, i mongoloidi, il futuro che fa schifo). Ah, e le tutine di gomma, perché vengono tutti da Akron, Ohio, la capitale mondiale della gomma, che è anche il posto dove sono nati LeBron James e Stephen Curry.
Il pezzo del cuore è, inevitabilmente, ​“Mongoloid”.

DJ RASHAD

(1979–2014)

page3image3837824

La prima volta che ho sentito un disco di Rashad era il 2011, ero in metro e il disco era Just a Taste vol.1, e ho capito che c’erano vie che portavano al punk che non passavano per i negozi di chitarre.
La mattina della sua morte mi sono sentito come deve essersi sentita una sedicenne nel ‘94 alla notizia del suicidio di Kurt Cobain. Cuore, droga, stile, tutti a grandi dosi. Incredibile come, in un genere abbastanza quadrato come il Footwork, una sua produzione sia palesemente riconoscibile entro i primi 20 secondi. Mi spiace solo non essere andato a sentirlo quando passò per Milano nel 2013 – ero preso male.

I primi pezzi di El Sòrrio erano sostanzialmente cover sue, di questa in particolare: ​”Love U Found”.

QUASIMOTO

(1973 – )

page4image3846784

Poche cose mi hanno folgorato come The Unseen, la C maiuscola nella frase “la Conferma che la droga fa bene alla musica”. In un (good) trip da funghetti, Madlib capisce che il suo prossimo disco sarebbe stato uno sforzo a due tra lui stesso e una sua nemesi a fumetto, una specie di Mr. Hyde con la voce pitchata alta che si comporta nel modo peggiore possibile in ogni situazione, e con cui intrattiene per tutta la durata del disco una specie di dibattito sui temi che gli stanno più cari, come snerdare su artisti jazz misconosciuti o parlare di erba o di piedi che si muovono da soli. Avete presente quei dischi dove non si skippa mai una traccia? Ecco.

Mi ha insegnato tanto. Pezzo prefe: ​“Put A Curse On You”.

RZA

(1969 -)