Primavera Sound: mangiare low cost a Barcelona – vol. 3


Fabio De Marco (@Fabio__DNA), promoter, agente e sommelier, frequentatore di lunga data del Primavera Sound, ci accompagna ancora una volta (vedi vol. 2) alla scoperta dei migliori posti dove mangiare a Barcelona, inaugurata due anni fa da Alessandro Ceccarelli.

Per l’occasione, in vista del festival che quest’anno si terrà dal 30 maggio al 3 giugno, ci consiglia 10 Tapas Bar (più due extra) dove mangiare ottimamente a meno di 20 euro, nei 4 distretti de La Ciutat Vella (la città vecchia) di Barcelona: El Raval, Gòtic, Sant Pere/Santa Caterina/La Ribera e La Barceloneta

Il Primavera Sound sta per iniziare e non potevamo non darvi qualche consiglio anche quest’anno su dove spendere i vostri pranzi nella settimana del nostro festival preferito!
In questa breve miniguida ci concentreremo sul quartiere de la Ciutat Vella…

BARCELONETA

La Cova Fumada

►Carrer Baluard, 56 – MAPPA
Il nostro quartiere preferito dove mangiare prima di dirigersi vero il Parc del Forum (ma solo dopo aver bevuto un bicchiere di vino o una birra sulla spiaggia)!
Vi abbiamo già parlato de La Cova Fumada lo scorso anno e per noi è una tappa obbligata. In questa “puda” sono state inventate “las bombas” (crocchette di patate e carne macinata accompagnate da una doppia salsa, alioli e piccante).

Can Maño

►Carrer del Baluard, 12 – MAPPA
Nessuna insegna e nessuna prenotazione. Sulla stessa via de la Cova Fumada e vicino al Mercato Coperto del quaritiere. Locale rustico, alla mano con una qualità prezzo inarrivabile. Vi consigliamo di non fermarvi alle apparenze. Non ve ne pentirete.

Schermata 2016-04-13 alle 19.08.00

La Bombeta

►Calle de la Maquinista 3 – MAPPA
Il nostro preferito. Ci vediamo giovedì 1 giugno alle 13 e vi spieghiamo di persona il perchè?
la-bombeta
bombeta-2

Can Sardi

►Carrer de l’Almirall Cervera, 23 – MAPPA
La Sardegna incontra Barcellona in poco più di 30mq. Qualità, cortesia e pesce freschissimo!

EL RAVAL

Bar Restaurant Guixot

►Carrer de la Riereta, 8 – MAPPA
Se riuscite a trovarlo (è piuttosto imboscato) e riuscite a capire il menù (solo in catalano) vi divertirete! A pranzo c’è un menù fisso a 12 euro. In generale potete mangiare bene, tanto e non spendere più di 15 euro!

El Quim de la Boqueria

►Mercado de La Boqueria, La Rambla, 91 – MAPPA
Situato all’interno dello storico Mercato de la Boqueria questo tapas bar ci piace molto, al pari del Bar Pinotxo che vi avevamo consigliato nella guida dello scorso anno. Cosa ordinare? Chipirones fritti e Arroz Negro. Non si sbaglia!



GOTIC

Bar La Plata

►Carrer de la Mercè, 28 – MAPPA
Piccolo bar nel cuore del Barrio Gotico. Poche ma superlative le proposte. Alici fritte imprescindibili!

Bodega Vasconia

►Carrer d’en Gignàs, 13 – MAPPA
Bottega storica (aperta nel 1905) e davvero minuscola. Qui è possibile mangiare una paella clamorosa. Diffidate dalla sangria? Provate quella che fanno qui! E se siete fortunati trovate nel menù la coda di toro. Non fatevela scappare!

SANT PERE/SANTA CATERINA/LA RIBERA


Cal Pep

►Plaça de les Olles, 8 – MAPPA
Un lungo bancone e giusto un paio di tavoli. Tapas classiche e buonissime! Consigliatissimo se capitate in zona.

El Xampanyet

►Carrer de Montcada, 22 – MAPPA
Locale piccolissimo dove è quasi impossibile sedersi. Ma è uno dei più storici del Born e un’esperienza al bancone con qualche chiacchiera con il proprietario ha decisamente il suo perchè.

Se invece vi trovare in zona Teatro Apolo o BARTS, dove sono previsti gli show indoor di apertura, mercoledì 30 maggio, e di chiusura, domenica 3 giugno, e non sapete dove mangiare, ecco i nostri due posti preferiti.

Quimet y Quimet

►Carrer del Poeta Cabanyes, 25 – MAPPA
Non ci si può sedere, ma solo appoggiare. Un tapas bar vecchio stampo occupato quasi interamente dal grandissimo bancone. A due passi dall’Apolo. La nostra tappa fissa prima di andare nella storica venue!

Pasapalo

►Carrer del Poeta Cabanyes, 6 – MAPPA
A pochi metri da Quimet y Quimet quindi in pieno Poble Sec/Montjuic. Tapas rivisitate e presentate in maniera esemplare. Forse qui spendete poco più di 20 euro. Ma ne vale la pena.