RINGO DEATHSTARR, “Mauve” (Club AC30, 2012)

Di fronte al secondo disco dei Ringo Deathstarr “Mauve” sorge spontanea la domanda “se il revival sia un sintomo di un’evidente mancanza di idee o solo una forma di tributo a un’era che fu e non è più?”. I Ringo Deathstarr, trio texano, dopo il discreto esordio “Colour Trip” (2011) e il tour europeo di supporto agli Smashing Pumpkins cavalcano nuovamente l’onda del revival anni novanta. E in particolare  continuano, non si sa bene, se per spirito di emulazione o per passione naif verso certe sonorità, a rinvigorire le fila della nuova ondata shoegaze.

Tra gli esponenti della nuova generazione shoegaze i texani risultano i più ancorati al passato, dimostrano quasi un spirito divulgativo: il desiderio di rendere il passato parte integrante del presente e di un futuro prossimo. “Mauve” è una macchina del tempo con al volante Elliott Frazier, deus ex-macchina del gruppo e produttore dell’album e con al seguito Alex Gehring (basso e voce) e Daniel Coborn (batteria). Le fermate sono tredici.  Il viaggio si snoda tra muori di suono alla Jesus & Mary Chain (“Waste”), duetti vocali richiamanti quelli di Kevin Shields – Bilinda Butcher (“Fifteen”), divagazioni eteree e trasognanti (“Brightest Star”, “Drag”) e sprazzi di noise – pop dal forte retrogusto di gomma appiccicata e scarpe nere fradice dopo il concerto dei Beat Happening (“Please don’t kill yourself”).

I passeggeri più giovani, lontani anni luce dall’immaginario di Psychocandy, Loveless o Souvlaki,  ameranno alla follia “Mauve”, i meno giovani, passeranno ad altro e cestineranno “Mauve”, raccolta tascabile dello shoegaze che fu. I Ringo Deathstarr si riconfermano dei buoni amanuensi della musica, capaci di  comporre e produrre canzoni di buona fattura, ma prive di quel “quid” che li faccia emergere dal marasma di nuove band.

62/100

(Monica Mazzoli)

2 ottobre 2012

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.