Kalporz presenta la top-10 della prima meta’ di 2011

Clicca sul titolo per leggere la recensione.

10. THE PAINS OF BEING PURE AT HEART, “Belong” (Slumberland)

Il quintetto newyorchese supera la boa del secondo disco con pieno merito, riuscendo a cambiare il proprio suono senza snaturarlo (F. Melis)

9. FUCKED UP, “David Comes To Life” (Matador)
null

Per l’occasione i Fucked Up si sono riconvertiti ad un punk rock stradaiolo, luccicante e torrenziale lungo tutti e settantotto minuti di musica (L. Centini)

8.RADIOHEAD, “The King Of Limbs” (XL Recordings)
null

Colpisce innanzitutto la perfezione della scaletta, che fa sì che “The King Of Limbs” sia un album da fruire come un tutt’uno, tutto d’un fiato. Un monolite. Il susseguirsi dei brani è capace di far immergere proprio nei luoghi in cui vogliono traghettare i Radiohead (P. Bardelli)

7.CULTS, “Cults” (In The Name Of)
null

Voce da Sinatra-addicted (nel senso di Nancy), synth sbarazzini, campanellini ed evanescenti echi che riportano indietro di mezzo secolo. Costumi ultracoprenti, dolcivite felliniane, le Ronettes (P. Merola)

6.THE ANTLERS, “Burst Apart” (Frenchkiss)
null

Il distacco post-romantico e aristocratico di “Burst Apart” scalda quanto l’uguale e contrario coinvolgimento emotivo del capolavoro “Hospice”. Per gusto compositivo, qualità delle canzoni e voce (P. Merola)

5. ARCTIC MONKEYS, “Suck It And See” (Domino)
null

I quattro di Sheffield hanno già lasciato le loro orme nella hall of fame del rock inglese, è indiscutibile. E con questo album mettono un ulteriore punto certo alla loro storia (P. Bardelli)

4. WILD BEASTS, “Smother” (Domino)
null

Un disco acquatico, liquescente, un elogio della curva e della superficie, immobile e al tempo stesso senza tregua, pieno di silenzi musicali e vibranti (F. Giordani)

3. JAMES BLAKE, “James Blake” (Atlas)

La musica britannica del futuro parte da qui: dal dubstep lungo le galassie elettroniche della rivoluzione silenziosa di James Blake (P. Merola)

2. PJ HARVEY, “Let England Shake” (Universal Island)
null

Basta mettere su l’ultima superlativa prova della cantante inglese per poter scorrazzare in quei vecchi, grigi ed umidi vicoli lungo il Tamigi (P. Bardelli)

1. FLEET FOXES, “Helplessness Blues” (Sub Pop)

Il nuovo lavoro asseconda un libero fluire di forme barocche, uguali e diverse come il discorso infinito di acque che, dopo lo zampillo iniziale, sanno farsi cascata impetuosa e scrosciante (F. Giordani)

1 Luglio 2011

1 Comment

  1. Bender

    07/07/2011 at 09:20

    Vi siete dimenticati una delle uscite più interessannti Two doors cinema club

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *